Author Archives: Umberto Cantoro

Kumbayah (italiano)

Kumbayah mio signore,  kumbayah

Kumbayah mio signore, kumbayah

Kumbayah i mio signore,

Oh Signore  kumbayah

 

Qualcuno sta cantando Signore, kumbayah

Qualcuno sta cantando Signore, kumbayah

Qualcuno sta cantando Signore, kumbayah

Oh Signore  kumbayah

 

Qualcuno sta ridendo Signore,

kumbayah

Qualcuno sta ridendo Signore,

kumbayah

Qualcuno sta ridendo Signore,

kumbayah

Oh Signore  kumbayah

 

Qualcuno sta piangendo Signore,

Kumbayah

Qualcuno sta piangendo Signore,

Kumbayah

Qualcuno sta piangendo Signore,

Kumbayah

Oh Signore  kumbayah

 

Qualcuno sta pregando Signore,

Kumbayah

Qualcuno sta pregando Signore,

Kumbayah

Qualcuno sta pregando Signore,

Kumbayah

Oh Signore  kumbayah

 

Qualcuno sta dormendo Signore,

kumbayah

Qualcuno sta dormendo Signore,

kumbayah

Qualcuno sta dormendo Signore,

kumbayah

 

Oh Signore  kumbayah

Kumbayah (Inglese)

Kumbayah my Lord, kumbayah
Kumbayah my Lord, kumbayah
Kumbayah my Lord, kumbayah
Oh Lord, kumbayah

Someone’s singing Lord, kumbaya
Someone’s singing Lord, kumbaya
Someone’s singing Lord, kumbaya
Oh Lord, kumbayah

Someone’s laughing, my Lord, Kumbaya
Someone’s laughing, my Lord, Kumbaya
Someone’s laughing,my Lord, Kumbaya
Oh Lord, Kumbaya

Someone’s crying, my Lord, kumbayah
Someone’s crying, my Lord, kumbayah
Someone’s crying, my Lord, kumbayah
Oh Lord, kumbayah

Someone’s praying, my Lord, kumbaya
Someone’s praying, my Lord, kumbaya
Someone’s praying, my Lord, kumbaya
Oh Lord, kumbaya

Someone’s sleeping, my Lord, kumbaya
Someone’s sleeping, my Lord, kumbaya
Someone’s sleeping,my Lord, kumbaya
Oh Lord, kumbaya
Oh Lord, kumbaya

What a wonderful world (Italiano)

Vedo alberi verdi, anche rose rosse
Le vedo sbocciare per me e per te
E fra me e me penso, che mondo meraviglioso

Vedo cieli blu e nuvole bianche
Il benedetto giorno luminoso, la sacra notte scura
E fra me e me penso, che mondo meraviglioso

I colori dell’arcobaleno, così belli nel cielo
Sono anche nelle facce della gente che passa
Vedo amici stringersi la mano, chiedendo “come va?”
Stanno davvero dicendo “Ti amo”

Sento bambini che piangono, li vedo crescere
Impareranno molto più di quanto io saprò mai
E fra me e me penso, che mondo meraviglioso
Sì, fra me e me penso, che mondo meraviglioso

What a wonderful world (Inglese)

I see trees of green, red roses too

I see them bloom for me and you

And I think to myself, what a wonderful world

 

I see skies of blue and clouds of white

The bright blessed day, the dark sacred night

And I think to myself, what a wonderful world

 

The colours of the rainbow, so pretty in the sky

Are also on the faces of people going by

I see friends shakin’ hands, sayin’ How do you do?

They’re really saying I love you

 

I hear babies cryin’, I watch them grow

They’ll learn much more than I’ll ever know

And I think to myself, what a wonderful world

Yes, I think to myself, what a wonderful world

Vecchio frac (Italiano)

E’ giunta mezzanotte,
si spengono i rumori,
si spegne anche l’insegna di quell’ultimo caffè;
le strade son deserte,
deserte e silenziose,
un’ultima carrozza cigolando se ne va.
Il fiume scorre lento,
frusciando sotto i ponti,
la luna splende in cielo,
dorme tutta la città:
solo va un uomo in frac.


Ha un cilindro per cappello,
due diamanti per gemelli,
un bastone di cristallo,
la gardenia nell’occhiello,
e sul candido gilè
un papillon, un papillon di seta blu.

Si avvicina lentamente
con incedere elegante,
ha l’aspetto trasognato,
malinconico ed assente,
non si sa da dove vien
né dove va;
chi mai sarà
quell’uomo in frac.

Bonne nuit, bonne nuit, bonne nuit, bonne nuit,
buona notte,
va dicendo ad ogni cosa
ai fanali illuminati,
ad un gatto innamorato
che randagio se ne va.

E’ giunta ormai l’aurora

si spengono i fanali

si sveglia a poco a poco

tutta quanta la città

la luna s’è incantata

sorpresa ed impallidita

pian piano

scolorandosi nel cielo sparirà

sbadiglia una finestra

sul fiume silenzioso

e nella luce bianga

galleggiando se ne van

un cilindro

un fiore e un frack.

 

Galleggiando dolcemente

e lasciandosi cullare

se ne scende lentamente

sotto i ponti verso il mare

verso il mare se ne và

chi mai sarà, chi mai sarà

quell’uomo in frack.

 

Adieu adieu adieu adieu

addio al mondo

ai ricordi del passato

ad un sogno mai sognato

ad un’attimo d’amore

che mai più ritornerà.

Tourdion chanson a boire (Italiano)

Quando bevo del vino chiaro,

amici tutto gira, gira, gira, gira

ormai bevo

Anjou o Arbois.

 

Cantiamo e beviamo

a questa bottiglia facciamo la guerra

cantiamo e beviamo amici miei.

beviamo dunque !

Tourdion chanson a boire (Francese)

Quand je bois du vin clairet
Amis tout tourne, tourne, tourne, tourne
Aussi désormais je bois
Anjou ou Arbois.

Chantons et buvons
À ce flacon faisons la guerre
Chantons et buvons
Mes amis
Buvons donc

The Mass (Italiano)

O Sorte

come la luna

tu sei variabile,

sempre cresci

o decresci;

la vita odiosa

ora indurisce

e ora conforta,

per gioco, l’acutezza della mente;

miseria,

potenza

dissolve come ghiaccio

 

 

(“divano, divano re….”  Le parole del ritornello sono inventate. L’intento dell’autore è di evocare lingue antiche, in particolare celtico e latino)

 

 

Sorte possente

e vana,

cangiante ruota,

maligna natura,

vuota salvezza

che sempre si dissolve,

oscura

e velata

me pure sovrasti;

ora al gioco

di te scellerata

porgo la schiena nuda.

 

Destino di salute

e di virtù

ora mi è avverso,

indebolito

e sconfortato

sempre schiavo.

In quest’ora

senza indugio

le vostre corde fate suonare;

poiché a caso

prostra un forte,

con me tutti piangete!

The Mass (Inglese)

Semper crescis
Aut decrescis
Vita detestabilis
Nunc obdurat
Et tunc curat
Ludo mentis aciem

Nunc obdurat
Et tunc curat
Ludo mentis aciem
Egestatem
Potestatem
Dissolvit ut glaciem

Divano Divano re
Divano blessiDivano blessia
Divano blessia
Divano Divano re
Divano blessia Divano blessia

Sors salutis
Et virtutis
Michi nunc contraria
Est affectus
Et defectus
Semper in angaria
Hac in hora
Sine mora
Corde pulsum tangite

Divano… In divano

Sors salutis…

Divano…

Hac in hora
Sine mora
Corde pulsum tangite
Quod per sortem
Sternit fortem
Mecum omnes plangite

The Little Drummer Boy (Italiano)

Vieni, Mi Hanno Detto

A Vedere Un Re Neonato

Porteremo I Nostri Più Bei Regali

Da Porre Davanti Al Re

Per Onorarlo

Quando Andremo

 

O Bambino

Sono Un Povero Ragazzo Anch’io

Non Ho Doni Da Portare

Che Vadano Bene Ad Un Re

Posso Suonare Per Te

Col Mio Tamburo

 

Maria Annuì

Il Bue E L’asinello Tennero Il Tempo

Ho Suonato Il Mo Tamburo Per Lui

Ho Suonato Al Meglio Per Lui

E Lui Mi Sorrise

A Me E Al Mio Tamburo